Differenziazione ed Orchestrazione, gli assi nella manica per gli operatori di telecomunicazioni

#HuaweiPartner

In qualità di Key Opinion Leader nel settore, sono stato invitato da Huawei ad assistere all’evento Better World Summit NetX 2025 dove si discuteva del futuro del mercato delle telecomunicazioni dal punto di vista degli operatori.

Pensavo di assistere al solito evento pieno di fantasmagoriche presentazioni ed accattivanti annunci promozionali da parte dell’organizzatore (Huawei ndr), invece mi sono trovato di fronte alla concretezza dei fatti che si è manifestata soprattutto per la presenza di terze parti indipendenti e di reali operatori delle telecomunicazioni che hanno condiviso la loro vision.

Un evento orientato alla condivisione dei fatti più che alla presentazione di una soluzione da vendere. Ottimo!

Senza riassumere in maniera tediosa gli argomenti ed elencare gli speaker che hanno partecipato, preferisco condividere con voi le mie impressioni ed il mio Takeaway come dicono gli amici Inglesi.

I due elementi che hanno inciso un solco profondo nella mia mente sono:

- differenziazione del business model

- orchestrazione delle tecnologie convergenti

Oggi non possiamo far finta di ignorare quello che sta accadendo in termini di accelerazione tecnologica; la tecnologia non è più solo una leva da utilizzare per fare meglio o più velocemente qualche operazione. La tecnologia di oggi è qualcosa di diverso, è un fattore abilitante che crea nuovi scenari e nuove opportunità di mercato ma anche nuove esigenze dei consumatori, nuovi canali di comunicazione e nuove opportunità di cooperazione tra le persone, le imprese e le nazioni.

E’ qualcosa che può mettere in seria discussione la competitività degli operatori di telecomunicazioni se non affrontano il cambiamento con la giusta visione strategica. Loro gestiscono il sistema nervoso della nostra rete globale, sono i responsabili della concretezza di questa trasformazione sistemica che la nostra società sta vivendo e che chiamiamo Digital Transformation. Farsi cogliere impreparati potrebbe essere fatale.

Per darvi un’idea solo dell’impatto dei dispositivi connessi, vi presento una slide degli analisti di IDC:

Pensate, nel 2025 la pervasività dei dispositivi connessi arriverà quasi al 75% rispetto alla totalità dei dispositivi e coinvolgeranno sempre più tutti i processi produttivi dalle fabbriche connesse fino agli edifici intelligenti ed ai trasporti.

E tutti questi dispositivi generano dati che dovranno poi essere trasmessi da qualche parte, elaborati da qualche computer ed aggregati per supportare delle decisioni.

Che dire poi dell’intelligenza artificiale che sta spopolando e, a mano a mano, sta sostituendo i classici software deterministici? Lei che utilizza i dati per imparare e fare in modo automatico delle operazioni che necessitano di capacità cognitive, sarà anch’essa onnipresente ed affamata di adeguate infrastrutture per poter lavorare.

In questo scenario dove i dati e la loro gestione sono diventati fattori critici ed aprono nuove sfide, dove i clienti sono sempre più esigenti grazie alla disponibilità del digitale sulla punta delle dita, gli operatori di telecomunicazioni non possono continuare ad utilizzare il classico approccio “business as usual”. Devono per forza di cose differenziare l’offerta ed imparare ad orchestrare in modo organico la convergenza di varie tecnologie per continuare a creare quel valore distintivo che giustifica la loro presenza come spina dorsale del nostro cambiamento.

In un mondo dove le imprese, grazie agli avanzamenti tecnologici, diventano più produttive, dove le persone grazie allo smartphone vogliono connettersi con altre persone in maniera sempre più coinvolgente e che poi come consumatori pretendono sempre più servizi in un tempo sempre più breve con una qualità di servizi sempre maggiore. Che dire poi degli oggetti intelligenti che iniziano a comunicare tra loro per farci fare meglio le nostre attività quotidiane e che hanno bisogno di tempi di connessione ultra veloci.

In questo contesto, gli operatori di telecomunicazione che stanno sul backstage rispetto a noi attori ma che sono fondamentali per garantire la nostra animosità tecnologica, loro devono assolutamente ripensare lo status quo ed aprirsi alla differenziazione del modello di business e devono imparare non solo a gestire le tecnologie ma anche ad orchestrare la convergenza di più tecnologie per rimanere competitivi.

Un compito non da poco ma sono sicuro che la maggior parte di loro sia in grado di raccogliere il guanto di sfida.

Per chi volesse approfondire l’evento, la registrazione è disponibile a questo link: https://events.carrier.huawei.com/BWSSept/en/broadcast-lm.html

Digital entrepreneur with a passion for knowledge translation | FRSA | B2B Tech Influencer | Author & Speaker | Startups Mentor | Founder & CEO dbi.srl

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store